home: syria » syria - non e peccato

Testo non e peccato - syria

Cadono vecchi tabù come frutta oramai maura, tempi duri davvero per chi vuole dare scandalo, nessuno si stupisce se un uomo ama un altro uomo, se le ragazze cattoliche non sono più vergini.

Rit: Non mi chiedo più se è peccato, se è un bene o un male sai, non sbaglia chi comunque va e ogni giorno è un'avventura bella da ricominciare, ognuno vive solo come sa, questo non è peccato, non è peccato.

Dicono che i migliori non hanno convinzioni, conoscono tutto ma non credono a niente così io convivrò con le mie contraddizioni e da quel leggero dolore che dà i contorni alla nostra vita.

Rit: Non mi chiedo più se è peccato, se è un bene o un male sai, non sbaglia chi comunque va e ogni giorno è un'avventura bella da ricominciare, ognuno vive solo come sa.

Non fraintendetemi non dico che ogni cosa è lecita, sono forze che non puoi fermare, è l'esperienza che può insegnare prudenza, tutto va bene se non fai del male a nessuno.

Rit: Non mi chiedo più se è peccato, se è un bene o un male sai, non sbaglia chi comunque va e ogni giorno è un'avventura bella da ricominciare, ognuno vive solo come sa, questo non è peccato, non è peccato.